I 3 migliori investimenti alternativi

Dato che il mercato azionario può essere molto volatile, molti investitori cercano modi più sicuri per investire i loro soldi. Quindi, gli “investimenti alternativi” sono diventati sempre più popolari. Un investimento alternativo è uno di quelli diverso dalle classiche tre classi di attività tradizionali: azioni, obbligazioni e valute.

Ma gli investimenti alternativi non prendono il posto di quelle attività più tradizionali: gli investitori non dovrebbero vendere i loro titoli, incassare i conti di risparmio e mettere tutti i soldi in queste opzioni meno tradizionali. La maggior parte degli esperti finanziari concorda sul fatto che gli investimenti alternativi sono migliori se usati per diversificare i portafogli finanziari e, in questo caso, sono anche degli interessanti investimenti sicuri.

A tal proposito, di investimenti sicuri ne parla in maniera eccellente il sito web http://camcomisernia.it/, specializzato nel fornire consigli e suggerimenti di investimento a tutti coloro che sono alla ricerca di soluzioni con pochi rischi (anche se meno remunerative rispetto alle azioni o alle valute).

Storicamente, molti di questi investimenti alternativi sono stati molto popolari tra le persone che guadagnano più soldi e tra gli investitori istituzionali. Questo perché molti investimenti alternativi richiedono delle somme iniziali più grandi rispetto alle azioni o alle obbligazioni.

Inoltre, quasi tutti gli investimenti alternativi sono meno liquidi rispetto a quelli tradizionali, nel senso che non possono essere incassati in maniera rapida, né facilmente. Ma nonostante questo, ci sono alcuni vantaggi. Ecco i 3 principali investimenti alternativi da non lasciarsi sfuggire.

Arte

L’arte può essere un buon investimento perché, storicamente, le fluttuazioni dei prezzi sul mercato non riflettono gli alti e bassi delle azioni e delle obbligazioni tradizionali. Durante la seconda metà del 20° secolo, il valore dell’arte è stato in costante aumento con una media del 10,5 per cento ogni anno.

Tuttavia, l’arte può essere un investimento rischioso se non si conosce il settore: al esempio le vendite di oggetti d’arte verso la fine degli anni ’80 hanno avuto un boom, seguito da un altro notevole incremento verso la metà degli anni 2000. Al contrario, dopo la crisi finanziaria globale del 2008, il mercato ha vissuto un forte rallentamento.

Per comprare dipinti o sculture in alcune delle migliori gallerie e case d’asta, gli investitori dovrebbero iniziare con almeno 10.000 dollari, anche se sono sufficienti solo 1.000 dollari se si è disposti a scommettere su nuovi artisti, talenti emergenti.

Vino

Gli investitori in vini pregiati possono aspettarsi un ritorno costante tra il 6 e il 15 per cento ogni anno nel lungo periodo. I prezzi di alcune annate e di vini pregiati, in generale, variano di anno in anno, ma i prezzi di quelli più ricercati tendono ad aumentare mano a mano che la fornitura tende a scarseggiare.

Gli intenditori di vino e i collezionisti sono notoriamente esigenti, quindi bisogna scegliere con attenzione. La regione di Bordeaux e altre parti della Francia forniscono i rendimenti più affidabili, dal momento che sono apprezzati tra i collezionisti, ma anche i vini toscani non sono da meno. Servizi come wineprices.com permettono di regolarsi in merito ai prezzi.

Anche con alcuni tra i vini più costosi, si dovrà investire grandi quantità di denaro e di vino per avere un guadagno considerevole. Inoltre, il vino deve essere conservato in un ambiente a temperatura controllata per mantenerlo in condizioni ottimali.

Monete

Ci sono due tipi di monete da investimento:

  • le prime sono quelle in metallo prezioso coniate dai governi nazionali, come l’American Gold Eagle, il Krugerrand sudafricano e il Nugget australiano. Questi le monete non sono da collezione, perché non derivano il loro valore dalla scarsità, bensì dal valore del metallo con cui sono coniate;
  • le seconde sono quelle da collezione, o numismatiche. Queste monete sono valutate non per il peso dei metalli preziosi, ma per la loro scarsità. Tra le più popolari troviamo i dollari Morgan, il mezzo dollaro Walking Liberty e alcuni Buffalo Nickels. I fattori che influenzano il valore di una particolare moneta potrebbe essere la condizione, il marchio della zecca e l’anno di emissione.

Nel mercato delle monete, quelle più rare tendono a fornire enormi ritorni (anche fino al 100 per cento in un anno), dunque sono un eccellente investimento alternativo e sicuro.